Rabbit Hole

L'ATTORE E L'ARTE DEL COMUNICARE

COMUNICARE: (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) si intende il processo e le modalità di trasmissione di un’informazione da un punto ad un altro, attraverso lo scambio di un messaggio composto secondo le regole di un determinato codice.

Comunicare vuol dire esprimersi, parlare. E per comunicare... spesso utilizziamo una maschera; una maschera imposta dal mondo che ci circonda e che diventa una protezione, una corazza.

MASCHERA: proiezione di sé stessi. “La maschera non siamo né noi, né gli altri, ma qualcosa che sta giusto in mezzo, e mentre è guardata ... guarda”.

Teatro come cura di sé e come strumento di crescita personale. Se il teatro è un’esperienza basata sulla verità, allora non possiamo prescindere dal corpo e dalle sensazioni che lo attraversano. Il corpo di un attore va liberato dalle tensioni, l’energia deve fluire senza incontrare ostacoli; solo così la creatività può fiorire e tutto il potenziale espressivo dell’uomo che si fa attore può manifestarsi, e solo così potremo sprigionare l’energia rinchiusa nella “nostra” maschera. Perché l’uso della maschera? Il teatro, con l’uso della maschera, può aiutare a riscoprire il piacere di agire e di sperimentare forme diverse di comunicazione, favorendo una crescita integrata di tutti i livelli della personalità.

PROGRAMMA:

    Utilizzo della voce
    Controllo della respirazione
    Utilizzo del corpo
    Lavoro sulle fasce corporee
    Lavoro con la maschera
    Improvvisazione
    Credibilità
    Interpretazione

Laboratorio condotto da Daniele Ferrari e Luca Comastri, adatto a tutti quegli “attori” che vogliano ottenere più sicurezza in scena. Adatto a tutte le persone che vogliano mettersi in gioco. Quindi non solo attori, ma tutte le figure professionali e “non” che sentano l’esigenza o vogliano migliorare l’aspetto della comunicazione. Laboratorio che ci permette di liberare, di sprigionare l’energia rinchiusa nella “nostra” maschera.

Daniele Ferrari è un attore, regista e formatore teatrale. Laureato al Dams di Padova, nel 2008 si diploma come attore teatrale e inizia a collaborare con varie realtà e vari registi. Come attore ha lavorato e collaborato con: Giovanni Giusto, Carlo Boso, Fabio Mangolini, Massimo Macchiavelli, Simone Toffanin, Toni Andreetta, Gianluca Barbieri e Lorenzo Rizzato. Per avvicinarsi sempre di più alla Commedia dell’Arte e all’uso della maschera teatrale, frequenta seminari di idealizzazione e costruzione della maschera in cuoio tenuti da Donato Sartori e Renzo Sindoca.

Luca Comastri si diploma presso la Scuola Teatro Colli formandosi tra gli altri con: Emanuele Montagna (direttore STC), Vadim Micheenko (Teatro Russo Mosca), Gala Pronina (Teatro Russo Mosca), Camilla Sanes (Yale University), Danny Lemmo (Actor Studio di New York), Luca Righi (compagnia Carolyn Carlson), Mauro Bigonzetti (Aterballetto), Domenico Lannutti (Lab comico); Gaby Corbo (acrobata e circense); Si perfeziona poi alla Scuola Louis Jouvet con cui collabora attivamente dal 2013. Dal 2012 si occupa anche di ideazione e messa in scena di propri spettacoli teatrali e comici e da vari anni collabora come assistente di Alessandra Cortesi nell’ambito del Movimento Espressivo.