[blog] [facebook]

Lab. di Improvvisazione teatrale

L’improvvisazione teatrale è una disciplina affascinante e coinvolgente che si basa sul concetto del “qui e ora”, luogo e attimo in cui si diventa contemporaneamente attori, autori e registi di se stessi e del gruppo.

Improvvisazione vuol dire rispettare ed ascoltare se stessi e gli altri, interagire e collaborare con il gruppo;

Improvvisazione vuol dire stimolare ed allenare la propria fantasia e creatività attraverso la creazione collettiva;

Improvvisazione vuol dire stupirsi, mettersi in gioco e tornare a giocare come i bambini: con serietà e divertimento!

Il corso mirerà prevalentemente a sviluppare gli aspetti che sono indispensabili per affrontare la pratica dell'improvvisazione teatrale:

DISPONIBILITA': presupposto imprescindibile che riguarda l'atteggiamento di totale apertura all'altro e alla situazione, stato mentale e fisico volto a mettere in luce il proprio compagno e la storia a discapito del successo personale dando vita al vero gioco di squadra;

ASCOLTO: (di se stessi, dell'altro e della situazione) allenare la capacità percettiva e sviluppare l'ascolto "a tutto tondo" (corpo/mente/emozioni) per poter essere coscienti del "qui ed ora" e dare il proprio contributo coerente e fruttuoso per permettere la creazione collettiva spontanea e senza programmazione;

CREATIVITA': non è solo libero sfogo della fantasia, peraltro abbondantemente stimolata attraverso giochi teatrali ed esercizi di ginnastica mentale, ma capacità di avere una struttura mentale libera da preconcetti e capace di generare azioni creative sempre nuove a partire da qualsiasi spunto;

RISCHIO: non come atto incosciente, ma come volontà di mettersi in gioco e prendersi delle responsabilità spostandosi dalla propria zona di comfort e dando a se stessi il permesso di sbagliare.

CLAUDIA GAFA'

Per Claudia Gafà il sipario si alza nel 2003 quando si appassiona al teatro preparando un esame per la laurea al DAMS. Riempie la sua valigia d’attrice grazie agli insegnamenti di Fabio Mangolini, Michele Monetta, Roberto Cuppone, Bruno Lovadina, Danio Manfredini, Gianni Conversano, Silvia Paoli, Stefano Pagin, Natalino Balasso, Alessio Pizzech, Giuliana Musso, Sara Armentano, Roberto Turchetta, Matteo Belli e Stefano De Luca.

La sua formazione nel mondo dell'improvvisazione teatrale è accompagnata, tra gli altri, dalla compagnia bolognese Teatro a Molla, Alberto di Matteo, Daniele Marcori, Yves Roffi, Barbara Klehr, Jim Libby, Omar Galvan, Ralph de Rijke, Javier Cura, Sean Mc Cann, Rama Nicholas, Yann Van Den Branden, Per Gottfreddson, Marta Borges, Patti Stiles, Randy Dixon.

Ha inoltre frequentato la scuola per attori di Bel Teatro di Padova, la Scuola Nazionale di Improvvisazione Teatrale e l’Accademia Teatrale Veneta. Recita in performance di teatro di strada, animazioni e cene con delitto, spettacoli musicali, cortometraggi, commedie brillanti, testi teatrali classici e contemporanei e in produzioni indipendenti di teatro d'autore. Tra il 2016 e il 2017 viene scritturata come attrice nella produzione della compagnia Theama Teatro di Vicenza “Fiore di cactus”. Dal 2009 è responsabile organizzativa, co-fondatrice, vice-presidente, regista, docente e attrice per l'associazione culturale CambiScena di Padova e dal 2015 ne cura la direzione didattica. Lavora come formatrice per l’associazione nazionale Improteatro e recita in spettacoli di teatro d'improvvisazione in Italia e all’estero.

Con la compagnia Quinta di copertina realizza e porta in scena uno spettacolo di improvvisazione teatrale ed edutainment sul teatro di W. Shakespeare. Collabora inoltre come docente, regista e consulente teatrale con aziende, scuole, compagnie e gruppi teatrali (ImproSchegge, Theama Teatro, Officine Guitti, UILT, H-Farm, Digital Accademia, ecc).

I nostri corsi